Chi trova un amico…

… trova un tesoro! Così dice il detto, e io ne ho trovati due fantastici: Giorgia e Marco!
Ecco la torta di compleanno che hanno preparato per me, insieme alla loro piccoletta, tutta di biscotti alla panna.

biscotti_torta

Il porta candelina invece è una tortina morbida al gianduia che avevo preparato per merenda ignara della sorpresa che mi aspettava.

Grazie di esistere ragazzi!

Tra gioie e dolori

Anche quest’anno il mio compleanno è arrivato in un momentaccio: se l’anno scorso non avevo voglia di festeggiare perché eravamo stati messi in contratto di solidarietà (orario e stipendio ridotto) quest’anno sono ormai due mesi che non ci pagano con motivazioni al limite dell’inverosimile. Ma non vi voglio rattristrare. Certo non ero in vena di preparare pranzi e pranzetti con torte al seguito. Ma fortunatamente esiste una meravigliosa mamma (nonché nonna) che non ha perso occasione per festeggiarmi. Ah la mia mamma!

In realtà questo post voleva essere un elogio allo gnappo che mi ha fatto un magnifico regalo. Nei giorni scorsi (giorni di mobilitazioni e manifestazioni di piazza per il nostro posto di lavoro) Edo ha avuto un febbrone allucinante che ha raggiunto quota 40,7.  Non sapendo come abbassargli la temperatura tra una dose di antipiretico e l’altra ho pensato di spogliarlo e togliergli anche il pannolino (che tiene solo durante la notte). Ebbene contro ogni buon senso e aspettativa (normalmente quando si abbassa la temperatura si tende a produrre più pipì) Edoardo si è controllato e mi ha avvisato dell’urgenza anche durante il sonno. Lo spannolinamento è terminato con successo. Quanto mi basta poco per essere felice.

PS: Speriamo che Edo continui così senza scherzetti notturni, e soprattutto che noi e le altre 2200 famiglie coinvolte in questa vicenda lavorativa possano trovare soluzioni senza ulteriori “scherzetti” da parte dei datori di lavoro e/o delle istituzioni. Per ora non abbiamo avuto fortuna e anche i media non ci hanno degnato di molta attenzione. Confido sulla forza della rete!

Maledetta Dora

Una mattina di agosto mi sono svegliata e digitando 602 sul decoder sky trovo una sorpresa: RaiSat YoYo non c’è più. Al suo posto Nick jr.
Sono le 6 del mattino magari ho sbagliato a digitare penso…. invece no… niente La Pimpa… al suo posto The Backyardigans (gli Zonzoli in italiano).
backyardigans024

Devo dire che è molto carino, perché in ogni episodio, il gruppo di amichetti  (Pablo il pinguino, Tyrone l’alce, Uniqua la formica, Tasha l’ippopotamo, Austin il canguro) giocano ad una avventura, come quelle che potrebbe inventare qualsiasi bimbetto tra i 3 e i 5 anni, e la concludono quando hanno voglia di far merenda. Il tutto condito da canti e balli in puro spirito anglosassone.

E fin qui la “sostituzione” potrebbe averci guadagnato il brutto è che sullo stesso canale fanno anche Dora l’esploratrice. Un vero delirio. E sfortuna vuole che a Edo piaccia tantissimo. Così come fu per i Teletubbies, che fortunatamente hanno perso rapidamente di interesse, anche questo cartone cosiddetto interattivo monopolizza l’attenzione del bimbo. Questa tipologia di programmi oltre a durare troppo ripetono continuamente lo stesso concetto in modo che l’infante sia completamente irretito. A questo punto io spengo la tv. Anche perché rischio spesso di fare tutto il viaggio in macchina e metropolitana continuando a canticchiare gli insopportabili motivetti.

dora

Lo so di essere probabilmente una mamma degenere quando la mattina alle 6 accendo la tv insieme a mio figlio e ci svegliamo lentamente sorseggiando il nostro latte sul divano. Ma poi tutto il giorno lui a scuola e io al lavoro trascorriamo le successive 12 ore in altre faccende affaccendati.
E poi a mia discolpa posso dire che ci abbrutiamo sempre insieme.