… lo stretto indispensabile….

A volte per stanchezza si commettono degli errori irreparabili.

Una settimana fa: dopo tre giorni a casa con mamma per l’influenza, al piccolo Edoardo ormai incontenibile, viene proposta la visione del Libro della giungla (quello bello bello restaurato per il 40° anniversario).

E’ stato l’inizio della fine: da allora si sono visionate le traccia 6 e 7 per almeno 12 volte di seguito (al giorno), spezzate a volte dal duetto Baloo/Mowgli. Così tra “lanti fanti” (elefanti ndr) e “Baloo” non si fa che cantare “… Ti bastan poche briciole lo stretto indispensabile….”.

edofanti.jpg

 

3 commenti su “… lo stretto indispensabile….”

  1. io ero contrario a far vedere i cartoni al mio pupo, ma ora ormai è tardi…
    non ti elenco i film che mio figlio vede in una settimana…
    ti dico solo che ormai ha cambiato nome, infatti ora si chiama Buzz Lightyear… (e fa pure l’imitazione con le braccia avanti dicendo “verso l’infinito e oltre”)…

  2. maddaiii!!!
    C’è poco da fare, sti due sono fatti l’uno per l’altra!
    Anche noi abbiamo fatto lo stesso errore (più o meno). Con lo stesso cartone poi! (Bìlù bìlù e mogglì, vedere bìlù e mogglì, sic!)

    Solo che, furbamente, le ho scaricato (per ora) solo 2 spezzoni da YouTube. E per di più in inglese. Così almeno, forse, servirà a qualcosa! Ma soprattutto si stanca, forse, prima.

    (tornano le belle giornate, dobbiamo attrezzarci per tornare alla fattoria degli animali, non credere? )

  3. Proprio ieri gli abbiamo messo la versione inglese del cartone ed ha sortito un effetto ipnotico. Parlerà inglese come non riesce a fare la madre? 🙂

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.