Come Giotto

ore 7.00: grido allarmato di papà Procione. Accorro preoccupata e vedo Edoardo che soddisfatto contempla il suo capolavoro. Gli viene tolta la matita ma lui prontamente si mette a colorare con l’altra (due mani, due matite). Perché tanta preoccupazione? Guardate qual era il supporto.

primoschizzo1.jpg

7 commenti su “Come Giotto”

  1. Per sviluppare appieno la sua vena artistica sarebbe bene dotarlo di pennarelli indelebili milticolori, da lasciare chiaramente a casa quando viene a trovare i nonni. Ho commissionato alla nostra amica sarta un portapennarelli da fissare alla vita tipo cartucciera che sarà uno dei nostri regali di compleanno, chiaramente completo di quattro pennarelli( rosso, nero, blu, verde)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.