Archivi categoria: Edoardo

Un anno vissuto…

E’ passato quasi un anno dall’ultimo post. Ne abbiamo fatte tante.  Per me un anno dietro ad un progetto di futuro, ancora tanti giorni in piazza, il 22 dicembre la definitiva uscita dall’azienda e un cucciolo d’uomo che cresce e cambia, e che ho sempre paura di non seguire abbastanza.

Facciamo un riassunto breve breve?
La seconda elementare di Edoardo è stata disastrosa: una maestra di italiano assente e distratta, curva sulle sue esigenze di trasferimento e incapace di star dietro ai bambini meno smart o con genitori per niente “lecchini”.

La maestra di matematica, precaria ma riconfermata dalla prima, preparatissima e chioccia non sempre è riuscita ad arginare il mare in piena delle preferenze, dei pettegolezzi e di tutta una serie di atteggiamenti negativi e nefasti per la classe.

Ma l’abbiamo superata.

Edoardo ha festeggiato il suo ottavo compleanno all’Hortus Urbis, il suo posto preferito, con pochi amichetti, quelli del passato… ha preparato la torta a modo suo. Bella e buona.

IMG_0457IMG_0460

Poi è arrivata l’estate che Edoardo ha trascorso qualche giorno lontano dai genitori, compiendo i primi passi in autonomia. O forse compiendoli noi che siamo dipendenti dalla sua presenza.

IMG_6620

Prima della scuola un viaggetto in Südtirol che ci sta sempre bene.

IMG_2540Edo si è distinto come piccolo gourmet e camminatore e poi eccoci in Terza!

Tutta una novità. La maestra di matematica degli scorsi anni, nella sua precarietà unico punto fermo della classe, è diventata di italiano. Che può sembrar strano ma non nella scuola italiana. Comunque “dà ‘na pista” a quelle degli anni passati. Noi l’adoriamo!

Hanno assegnato alla classe una maestra di matematica in gambissima e last but not least vanno d’accordo e si accordano… quello che in una classe elementare non dovrebbe mai mancare. Ma non è scontato. Vedi l’anno scorso.

Insomma Edo è sbocciato: racconta, scrive, disegna, recita e prende la parola in classe. Penso che quest’anno sia l’anno della svolta. Conosce i suoi limiti e fatica per superarli ma ci prova. Ci delizia con i suoi racconti, legge a volontà, costruisce con i Lego alla velocità della luce. Bastava poco… un po’ di autostima, quella sana però, che coltivata nell’infanzia fa tanto nell’uomo che sarà.

Lettere d’amore

Bello svegliarsi al mattino e trovare dei messaggi d’amore. Già penso con piacere a quando Edo sarà abbastanza grande da prepararmi il caffè.

Noi abbiamo sempre avuto il nostro momento mattutino. Io sono quella che sta in cucina e che lo coccola al risveglio e lo nutre. Con il papà invece, ci sono tantissimi momenti del giorno insieme, tra giochi e racconti. E si vede anche dalla differenza dei messaggi. 😉

Letterina alla mamma

Letterina al papà

Desideri e amore

Cosa chiedi al tuo Natale? Edoardo ha espresso i suoi desideri ma non ha trascurato il suo amore per chi non c’è più.
Quest’anno è un anno speciale, nel bene e nel male. Auguri a tutti da mamma la Santa, Edoardo il Pazzo e papà Procione.

Lettera a Babbo Natale

Lettera A Nonno Giancarlo

…e sono sette.

Un altro anno è passato. Lo so che queste pagine sono poco aggiornate: gli intensi momenti dei primi passi raccontati con minuzia di particolari lasciano il posto a brevi appunti. Man mano che si cresce sembra non si abbia più il tempo di fermarsi eppure di cose ce ne sarebbero. Tanti disegni, racconti, avventure. Ma forse è un po così per tutti i diari.

Insomma abbiamo compiuto 7 anni e come ogni anno abbiamo spento tante candeline: a scuola, dai nonni Palla, da nonna Bubù. Eggià perchè qualche giorno fa abbiamo perso nonno e non sono più nonni ma nonna anche se Edo dice che per lui c’è sempre. E pure per me.

17maggio13

La carrellata di torte non può mancare per festeggiare degnamente l’ometto di casa, che cresce e cambia ogni giorno. Quello sguardo dolce spesso si fa severo, qualche capriccio di troppo rispetto a quando era più piccolo, ma sempre la sua lucidità e dolcezza per affrontare gli ostacoli della vita.

Auguri piccoletto mio. Con amore mamma e papà.

PrimaGi

 

Eccolo il piccolo uomo alla prova della prima elementare. La prima settimana è passata e già abbiamo assaporato soddisfazioni e marachelle. Tanto entusiasmo e qualche incidente di percorso. Ma siamo fiduciosi perché c’è tanta curiosità e voglia di imparare.

E’ uguale per tutte le mamme, sembra ieri il lieto annuncio, la nascita, i primi passi. Ora i passi sono sicuri, la mano è decisa, il pensiero è consapevole. Auguri piccolo mio, piccolo e mio per sempre!

 

Pensa positivo

Edo prima di addormentarsi mi ha detto che non vedeva l’ora di andare a dormire perché domani lo aspetta un altro bel giorno da vivere. Un bambino sempre allegro e positivo, disponibile verso il prossimo.

E’ stato il suo compleanno e qualche giorno dopo si è diplomato. L’anno prossimo passerà alla scuola primaria. Ci ha dato una grande soddisfazione leggere le parole della maestra che con nostalgia salutava il suo sorriso e la sua fervida fantasia.

Questo è stato un anno difficile, ha dovuto imparare a fare le attività e “i compiti”, rispettare le consegne, giocare e smettere di farlo. Ha imparato però anche a misurarsi con se stesso e ha capito che con l’impegno si superano gli ostacoli, quelli che lui pensava fossero insormontabili ed arrivare a dire: disegnare è la cosa più bella del mondo.

Il ritorno del Kraken
Dinosauri e granchi giganti
Casetta nella natura

La primavera per Edo

Il sole e il cielo. La terra e l’erba. I fiori e una pianta carnivora. Un ragno nella sua ragnatela. Le mosche pelose e le zanzare con il pungiglione. Le formiche sul loro formicaio e una chiocciola. Un’ape a righe e una coccinella rossa a pois. Una farfalla blu.

Un prato fiorito e animato quasi da riuscire a sentirne i suoni, la vita dentro.

Edoardo sta sbocciando alla faccia di quella maestra con il fischietto priva di fantasia e sensibilità.
Non abbiate fretta e concedete ai bambini il tempo: vi sorprenderanno. Parola di mamma ansiosa.

Di che cappello sei?

Stamattina alle prese con il costume di carnevale, sempre rigorosamente “home made”, Edoardo ha espresso molto riservo sia nel truccarsi (quindi niente matita nera sugli occhi o finti baffi e barba) che nella scelta del copricapo.
La meravigliosa bandana con le treccine, mooolto pirata, non lo convinceva come pure il foulard rosso stile Jack Sparrow. La scelta è caduta sul più semplice e classico cappello. Anche la benda ,cucita con amore dalla sua mamma, è stata scartata.

Il costume è composto da una mia camicia di quando ero magrissima, un peso che mai più tornerà, una mia sciarpa portata con orgoglio negli anni 90. Una cinta anni 80 del Procione, stivali in prestito da mamma Barbara all’insaputa dei figli. Collane e bracciali sempre anni 80/90 e sacchetta per i soldoni precedentemente destinata a contenere i dadi da gioco di ruolo del papone.
Spada, uncino e cappello un regalo di qualche tempo fa di Gioele, l’amichetto del cuore di Edoardo.

Dimenticavo: maglietta a righe e pantaloni sono i suoi… come le espressioni e la faccia d’angelo.