Eppecché?

Ci siamo. E’ arrivato il momento dei perché. Tutto è iniziato due giorni fa: ho detto uno dei soliti no per una attività poco ortodossa e Edo mi ha detto: “pecché no?” La spiegazione probabilmente non soddisfacente ha scatenato l’ovvio fiume di “eppecché?”.

Ma ora che il linguaggio si fa più complesso chiede cose tipo: epecché il coccodrillo mangia uncino?
Finora è andata bene, speriamo di riuscire a sostenere i perché più grandi.

2 commenti su “Eppecché?”

  1. Ehilà bentornato!
    Beh sicuramente siamo in una prima fase, anche se pensavo iniziasse dopo i tre anni. Pare ne esistano molte in base all’età. Quella di Lorenzo è sicuramente la fase più critica. In bocca al lupo a tutti noi.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.