Checklist

E’ da maggio che non aggiorno e non che di cose non ne siano successe. La vita di un cinquenne è frenetica, eccessiva nelle scoperte. Un genitore cerca sempre di arginare le continue richieste e soddisfare qualche desiderio.
Così, per esempio, Edoardo ha festeggiato il suo compleanno al Bioparco di Roma, con i suoi amichetti storici, quelli che con lui hanno vissuto gli anni del nido e della materna. A settembre purtroppo si disperderanno per frequentare l’ultimo anno di scuola dell’Infanzia alle comunali.

Non riesco a parlare della sensazione di abbandono e di dolore che proviamo pensando di lasciare le maestre e i compagni e tutta la comunità de L’Emilio. Per ora Edo continua a frequentare approfittando del centro estivo e procrastinando a settembre il possibile trauma.

Siamo andati a conoscere la nuova scuola, strutturata meravigliosamente, con orto e forno a legna per far preparare il pane ai bimbi, laboratori di teatro, musica e chi più ne ha più ne metta (ma lui non è nuovo a tutte queste attività, ndr) ma poi parli con la sua futura maestra che vuole dei bambini già scolarizzati, lei dice con le basi! Ma quali basi? Fiera con il fischietto al collo si vanta di mettere in riga tutti con la forza dell’amore…  Ed io non faccio che pensare al sorriso e al calore delle maestre che lascia. Ma non voglio essere catastrofista.
Perché non rimanere allora? Perché grazie ad una situazione lavorativa precaria potremmo trovarci in condizione di non poter pagare il conto della scuola… e poi è l’ultimo anno prima delle elementari, tutti i suoi compagni vanno via… questa è tra le scuole comunali meglio organizzate e “illuminate” che ci spetta come bacino d’utenza… insomma un passo dovuto.

Ma torniamo a Edoardo.

Quest’anno tra le lezioni aperte si è organizzata la messa in scena di uno dei lavori del laboratorio di teatro. Da gennaio si sono concentrati solo su una storia e l’hanno portata in scena. Eccolo mentre interpreta il Drago.

Ma c’è stata anche la tradizionale Festa di Primavera, con la gara di torte, la distribuzione dei lavoretti di fine anno, il lancio dei palloncini per salutare i bimbi che lasciano la scuola, e la proiezione del filmato montato dalla maestra Rossella per ricordare i passi dei nostri pargoli e dirci “addio” tra lacrime e sorrisi.

Memorabile la performance organizzata a sorpresa: un waka waka di eccezione con i bambini in canotta e bermuda e le bambine in top e gonnellina… esilaranti  e commoventi nella loro serietà di ballerini.

Dicevamo della festa al Bioparco… una giornata bella con un buffet mammamade e l’idea della torta muffin (una matrice di muffin bianchi e neri a formare un 5), la visita guidata tra gli animali, il carezzazoo con un insetto stecco e un furetto, e tanta libertà di movimento.

Poi le gite scolastiche e quelle con i genitori. Tre giorni a Sperlonga Edo, mamma e le sue amiche ortolane. La giornata a Zoomarine con Gioele, il suo amichetto preferito, anche lui appassionato di animali e dinosauri.

La nota negativa? Dal giorno di Zoomarine le giornate sono accompagnate dal jingle della pubblicità e dalla ripetizione del promo che Edo ci propina in maniera ossessiva.

Ora aspettiamo le vacanze, anche quest’anno montane, anche quest’anno in quel di Bressanone. Domani intanto si va in gita con la scuola alla caserma dei vigili del fuoco a Ostia.

Spero di non aver scordato nulla… a presto per i prossimi aggiornamenti e buone vacanze a tutti. Noi dobbiamo aspettare ancora fino a fine agosto.

2 commenti su “Checklist”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.